La maglietta una comunicazione alternativa

La maglietta una comunicazione alternativa

Passeggiando per le strade della propria città,

mentre si va a lavoro, all’università, oppure  nel fare una semplice commissione, ci si accorge di poter fare qualcosa che fino a qualche anno fa era impossibile fare, aprire una finestra nel mondo e comunicare con esso semplicemente accedendo alla rete dal proprio cellulare. Internet è divenuto una parte fondamentale della nostra vita. Non avere una connessione wifi in casa significa essere fuori dal mondo.

Potremmo farne a meno di internet e di tutto ciò ad esso connesso? Probabilmente no. Ma poniamoci anche un’altra domanda. Esistono mezzi di comunicazione alternativi che potremmo preferire?  Sicuramente è difficile scegliere qualcosa di diverso da un i-phone o un cellulare super tecnologico., a meno che non si faccia una scelta fondata su un ambito squisitamente economico.

Riflettiamo però su una cosa. Una notizia su facebook o alla tv sicuramente è facile trovarla o sentirla. Ma potremmo mai farla veramente nostra?  Riusciremmo a percepirla? Aprendo facebook siamo invasi da notizie e news riguardanti guerre, politica, amori e amicizie, litigi e semplici discussioni tra amici. Però spesso queste notizie vengono lette in maniera passiva, senza attenzione. Un  libro scritto o leggere una lettera mandata da un pen-friend lontano sono qualcosa di ancora molto affascinante per molte persone.

Non dobbiamo dimenticare che esistono simpatiche alternative di comunicazione. Scrivere una frase o mettere un’immagine su una maglietta potrebbe essere una soluzione.

Possiamo scrivere una frase toccante e stamparla su una t-shirt, perchè prendersi questa scomodità se tutti hanno internet in tasca? Semplicemente perché tutti non si aspetterebbero una cosa del genere. La tecnologia della apple è superba e potente ma è diventata una tra le più forti espressioni di massificazione sociale del mondo. Una scritta toccante (un messaggio politico, una formula matematica, una poesia) scritta su una maglietta o su una felpa salta subito all’occhio di chi ci sta più vicino. Una maglietta con scritte simpatiche può aiutare a descrivere la persona che la indossa. Una t-shirt descrive una parte (se non tutta ) della personalità della persona  (dipende dalla scritta).  Una maglietta potrebbe anche aiutare a strappare un sorriso ad una persona e a fare amicizia. È un modo, come tanti, di aprire la mente e entrare in contatto con le persona andando fuori dai soliti canoni delle chat line. È un modo semplice per iniziare a farsi pubblicità se si vuole far conoscere un proprio prodotto.  È un modo (intelligente) di non rimanere incollati ad uno schermo e rispondere a battute scritte attraverso un semplice : “ahahah”…(risata a mio avviso passiva).

Secondo. Su una maglietta possiamo stampare una immagine. Una foto che ci è cara, un disegno. “La forza di una immagine può dire molto più di mille parole” questa è una frase che si sente spesso ma che adesso si potrebbe mettere in pratica. Un proprio disegno o una immagine che vogliamo mostrare al mondo la si può mettere su face book. Ma quella stessa immagine su una maglietta può accompagnarci ovunque: a lavoro come ad una festa.
Una maglietta non sostituisce i mass media ma è sicuramente un modo che dimostra di non dipendere da essa. Un modo che dimostra di avere personalità e perché no? Anche una idea originale.

Giuliano Garofalo